topo it

Associazione Pubblica Internazionale di Fedeli

Associazione Pubblica Internazionale di Fedeli

Inscrição

Nuovo Anno Pastorale 2018/2019

Il Santuario di Fatima ha presentato il 1° dicembre il tema per il nuovo anno pastorale 2018/2019: “Tempo di grazia e di misericordia: rendere grazie per il pellegrinaggio nella Chiesa”.

La sessione è iniziata con l’apertura della nuova mostra temporanea dedicata al centenario della costruzione della cappellina delle apparizioni. La mostra sarà visitabile fino al 15 ottobre 2019, al livello inferiore della Basilica della Santissima Trinità.

Il Rettore del Santuario, P. Carlos Cabecinhas, ha introdotto il tema sottolineando che quest’anno rifletteremo sull’esperienza di essere Chiesa, una Chiesa pellegrina, e sul significato stesso del pellegrinaggio. Nel 2019 si celebreranno due centenari assai rilevanti nel contesto del Santuario di Fatima e della sua missione: i cento anni dalla costruzione della cappellina delle apparizioni e il centenario della morte di San Francesco Marto il 4 aprile 2019.

Il Vescovo di Leiria-Fatima, Cardinal Antonio Marto, ha chiuso i lavori ricordando che la Chiesa è "pellegrina nella storia" e che "non ha ancora raggiunto il pieno compimento", cioè ha bisogno perenne di conversione, rinnovamento e con la speranza, "che Dio conceda il dono", di continuare a camminare verso una "meta finale". "Il pellegrinaggio può essere una bella e sorprendente esperienza di Dio. Una profonda esperienza di interiorità, avvertimento nei confronti di una "cultura dell’esteriorità".

L’Apostolato Mondiale di Fatima, in accordo con il tema pastorale del Santuario, incoraggia i suoi membri a promuovere l’esperienza di venire a Fatima in pellegrinaggio per immergersi nella ricchezza del Messaggio di Fatima visitando i luoghi santi.  Allo stesso tempo, siamo incoraggiati a celebrare e promuovere nei nostri ambienti la devozione a San Francesco Marto, condividendo la storia della sua vita e le virtù eroiche di questo piccolo contemplativo di Fatima, che amava tanto Dio.


facebook
     twitter     youtube

Iscrivetevi alla nostra newsletter