topo it

Associazione Pubblica Internazionale di Fedeli

Associazione Pubblica Internazionale di Fedeli

Inscrição

Origine

FATIMA: UN NOME UN RICHIAMO

Fatima in Portogallo, è uno dei più rinomati luoghi nell'ambito della religione Cattolica Romana. Fu in questo (all'epoca) piccolo villaggio dove, partendo dal 1916, tre piccoli pastorelli incontrarono dapprima un Angelo e successivamente una Signora subito conosciuta col semplice ma eloquente appellativo di NOSTRA SIGNORA DI FATIMA.

La città porta un insigne nome Arabo che significava "altolocato". In conseguenza del fatto che una Vergine Moresca, innamorandosi dell'audace Cavaliere dell'Ordine dei Templari, certo Goncalo Henriques, fu convertita al Cristianesimo e battezzata con il nome cristiano di "Oureana". Questo nome "Oureana" sostituì il nome "Fatima", che ricevette alla nascita in onore della figlia di Mohammed.

La città e la Vergine Maria mantengono un posto speciale nelle menti e nei cuori di molti musulmani e di persone di molte altre fedi. La storia di come questo piccolo villaggio crebbe nel destino di milioni di pellegrini e come posto futuro per l'umanità, è impressionante. Molti pensano che il Messaggio di Fatima, possa rappresentare un'alternativa ai mali che prevalgono oggigiorno nel mondo. Il Papa Giovanni Paolo II aveva una speciale ammirazione per Fatima. Egli predicò il Messaggio come un'alternativa alle tendenze materialistiche attuali che hanno creato un tale abisso tra il ricco e il povero nel mondo contemporaneo, col risultato di disordini sociali e ancor peggio di guerre.


Al tempo delle apparizioni, il Portogallo era un Paese socialista che aveva posto severe restrizioni nei confronti della Chiesa Cattolica che, in realtà, fu bandita per un certo periodo di tempo.

Fu nel bel mezzo di questa atmosfera molto carica, che tre semplici pastorelli scoprirono la propria vocazione. Leggete oltre, circa questo importantissimo aspetto della storia di Fatima, ma leggete anche come le Apparizioni dell'Angelo e di Nostra Signora cambiarono le loro vite e possono cambiare anche le nostre parimenti.

 


facebook
     twitter     youtube

Iscrivetevi alla nostra newsletter